Via Bologna, 1 - 41049 Sassuolo (MO) • Tel. +39 0536 882599 - Fax +39 0536 882073
E-mail mops080003@istruzione.it - PEC mops080003@pec.istruzione.i • C.F. 93038940362 - Cod. MIUR: MOPS080003
La sede associata di Palagano ha una nuova intitolazione

Intitolazione del liceo delle scienze umane

di Palagano, opzione economico-sociale,

a Marco Biagi – 16 novembre 2019

Sabato 16 novembre 2019 si è tenuta la cerimonia di intitolazione a Marco Biagi del liceo delle Scienze umane opzione economico-sociale di Palagano, che ha concluso la procedura avviata dal Sindaco Fabio Braglia, perfezionatasi con la delibera del Consiglio di Istituto del Liceo Formìggini  e disposizione ufficiale dell’Ufficio Scolastico per l’Emilia Romagna, Ufficio VII.

Dapprima, sullo sfondo delle note della Banda Comunale, i ragazzi delle terze medie di Palagano, Montefiorino e Frassinoro, accompagnati dal Dirigente Scolastico Luigi Vaccari, hanno raggiunto il piazzale antistante l’Istituto con le loro bici, portando ciascuno una lettera così da comporre insieme il nome del giuslavorista assassinato dalle Brigate Rosse il 19 marzo 2002 ed hanno fatto omaggio alla vedova Marina Orlandi di un quadro elaborato con i disegni raffiguranti la loro personale interpretazione della bici riprodotta anche nello stemma della Fondazione Biagi.

È poi seguito lo scoprimento ufficiale della targa della prima scuola d’Italia intitolata a Biagi, in virtù di una duplice corrispondenza: la condivisione dell’ambito giuridico-economico del percorso di studi del liceo e della ricerca sulla quale era stata incentrata l’analisi del giurista e la vicinanza tra la data della sua tragica scomparsa (19 marzo 2002) e quella dell’eccidio di Monchio, Costrignano, Susano e Savoniero (18 marzo 1944).

La mattinata è proseguita all’interno dei locali dell’Istituto alla presenza di numerose rappresentanze istituzionali: il Sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento, On. Simona Malpezzi, il Prefetto di Modena, Maria Grazia Paba, i Consiglieri regionali Luciana Serri e Giuseppe Boschini, il Presidente dell’Unione dei Comuni del Distretto ceramico Francesco Tosi, assessori e consiglieri regionali provenienti da molti dei Comuni della montagna. Tra i presenti figuravano anche le forze dell’ordine: il Comandante provinciale Marco Pucciatti, il Capitano Simone Scafuri (comandante della Compagnia di Pavullo) e il Maresciallo di Montefiorino Michele Vitolo oltre ai vigili del fuoco di Frassinoro, agli Alpini, all’AVAP e ad altre associazioni.

L’intervento di apertura è spettato a Christine Cavallari , Dirigente del Liceo Formìggini – di cui quello di Palagano è sede associata - , che ha sottolineato l’importanza del ricordo di Marco Biagi e dei valori da lui rappresentati, per la sua capacità di essere interprete del cambiamento in linea con i principi dell’educazione alla legalità e alla responsabilità che la scuola come comunità di formazione e crescita deve perseguire.

Particolarmente apprezzata è stata la presentazione preparata dai ragazzi di 5 esp che, dopo aver riflettuto in classe sulla storia di Marco Biagi, hanno efficacemente proposto una ricostruzione del suo profilo visto attraverso i loro occhi, evidenziando particolarmente la corrispondenza del suo metodo di ricerca e dialogo con le priorità e gli obiettivi del piano dell’offerta formativa del loro liceo.

Successivamente ha preso la parola Paola Reggiani Gelmini, vicepresidente della Fondazione Biagi, che ha ricordato l’ultimo dialogo avuto con il collega prima del suo assassinio, incentrato sui temi, sempre attuali, dell’occupazione giovanile e della promozione del lavoro per i più bisognosi, e ha manifestato la propria soddisfazione per l’intitolazione, proponendo itinerari di fattiva collaborazione tra il liceo e la Fondazione.

Le parole di Suor Armanda Debbi, Madre Generale delle Suore Francescane dell’Immacolata ed ultima Preside del Liceo prima della sua statalizzazione avviata nel 2014, hanno evidenziato la continuità del progetto educativo che, pur nel passaggio di gestione, ha salvaguardato i valori fondamentali dell’accoglienza e dell’educazione alla responsabilità.

Il Sindaco Braglia ha ribadito l’importanza della presenza del liceo sul territorio montano e il significato della sua intitolazione a Marco Biagi per esprimere un sentito invito alla pace e alla condanna dell’odio. Nel conferire a Marina Orlandi la cittadinanza onoraria ha rivolto un messaggio di speranza nel ricordo del passato per pedalare verso il futuro.

E' intervenuta infine Marina Biagi, ringraziando i ragazzi per l’omaggio ricevuto e per l’affetto dimostrato, che è stato l’unico antidoto negli anni per resistere al dolore. Ha concluso con il ricordo dell’ultima sera trascorsa con il marito e i figli prima di quel tragico 19 marzo: nonostante le minacce insistentemente rivolte alla sua persona, dimostrando un profondo senso del dovere e di responsabilità si è rivolto alla moglie lasciandole il proprio testamento spirituale: “Come posso abbandonare il mio incarico? Sono al posto giusto nel momento giusto. Il mio pensiero è rivolto ai giovani, ai disabili, alle donne, alle persone che a cinquant’anni hanno perduto il posto di lavoro e non riescono a trovare una nuova occupazione”.

Laura Lami, prof.ssa di diritto ed economia poilitica del liceo delle scienze umane "Marco Biagi", opzione economico-sociale, sede associata di Palagano

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.